Mario Milana

Nato a Milano ma stabilitosi a New York sin dal 2005, Mario Milana ha portato il suo approccio artistico oltreoceano, fondendo un design tagliente con l’artigianato tradizionale.
Dopo otto anni presso lo studio di Karim Rashid, dove ha imparato a relazionarsi con una vasta gamma di materiali e metodi su ogni scala, Mario Milana ha deciso di aprire il suo atelier eponimo, dove poter esprimere il proprio linguaggio di design. Un elemento cardinale del suo approccio stilistico è la fusione di geometria e semplicità di linea con il concetto di dinamismo. I suoi pezzi in effetti ruotano ed orbitano, non solo per forma ma nell’aspetto del movimento vero e proprio: lo schienale, gli elementi del tavolo o il divisorio, possono trasformarsi in diverse configurazioni.

Il dinamismo dei suoi disegni proviene da un perenne sguardo rivolto alla funzionalità, nel rendere l’oggetto o il mobile capace di soddisfare vari bisogni. Nella sua pratica del design i tocchi inaspettati di dinamismo si trovano nel suo amore della produzione a mano, caratterizzata dall’uso di materiali naturali e il suo profondo rispetto per le tradizioni artigianali.

Ne risultano collezioni, o ambienti, nei quali bilancia forme geometriche ed organiche e il matrimonio di aspetti raffinati con quelli lasciati di proposito grezzi; è uno stile che è al contempo freddo e meccanico e tuttavia profondamente inondato da calore umano.

Per Tonelli ha disegnato:

Can Can